giovedì 27 febbraio 2014

Biscotti da Ristotec: Banderas non serve più...

 

Altra trasferta a Verona e altra occasione per andare da Ristotec, il negozio di Vago (il paese da cui provengo) che fornisce tutto ciò che serve ai cuochi professionisti e amatoriali.
A fine novembre avevo assistito alla demo sui dolci per Santa Lucia, sabato scorso invece a quella sui biscotti...che ha riscosso talmente successo che le sedie non bastavano...

Non vedevo l'ora di iniziare la lezione, quindi sono arrivata largamente in anticipo...e non ero l'unica! Quando Barbara, la proprietaria del negozio, ha raccontato alle presenti che vivo a Milano, l'argomento di conversazione è diventato Csaba della Zorza: sì, mi piace tanto Csaba...no, non sono ancora riuscita a prendermi uno dei suoi libri!

Per questa demo Barbara (grande fan di Luca Montersino e delle sue pastafrolle) ha voluto sostituire Banderas e prepararci gli abbracci, i baiocchi, ma anche dei biscottini salati, i ritz.

Barbara e Anna all'opera

Le preparazioni dei diversi biscotti si sono continuamente alternate perchè le varie pastrafrolle e la ganache avevano bisogno di riposare in frigorifero. A proposito della ganache dei baiocchi...un piccolo problema tecnico ha portato ad avere una crema diversa da quella originale (fatta di cioccolato al latte e panna in parti uguali con un po' di pasta di nocciola)...ma forse è stato meglio così...era soffice e io l'ho trovata più buona.


Per mancanza di tempo non sono stati fatti i tipici buchetti, ma Barbara assicura che con la cannuccia non è difficile farli prima di infornare i biscotti.

Gli abbracci, invece, sono formati da due impasti diversi sia per gli ingredienti usati che per le proporzioni tra di essi, non basta semplicemente aggiungere cacao nel composto nero.


I ritz sono stati forse i miei preferiti perchè non sono propriamente salati, infatti la quantità di zucchero è superiore a quella di sale...in pratica sono quel dolce-salato che mi piace tanto.


Queste demo mettono davvero il buonumore: non sono fatte solo da una persona in piedi che insegna alle altre, bensì da più donne (ma mi sembra di aver avvistato anche un uomo in un angolino) che si scambiano le proprie esperienze ("Ho fatto la Angel Cake", "Ho provato la tua Torta Magica"), chiedono consigli ("Conosci una buona farcitura per cupcake?"), scherzano e imparano insieme qualcosa di nuovo!

Ricevute le ricette, ho voluto provare subito a sfornare ritz! Sono venuti bene...anzi sono entrata talmente in loop che non vedo l'ora di sperimentare qualche modifica alla ricetta: provare a sostituire la quantità di burro con margarina o olio; aggiungere all'impasto qualche erba aromatica (timo, erba cipollina o rosmarino); usare farine diverse da quella 00...

Avendo sfornato diverse misure, ho visto che con queste dosi vengono 60 ritz piccoli (tagliati coi bicchierini da chupito) o 24 grandi (del diametro di una tazza/bicchiere)!


Ecco la ricetta di Barbara:
gr 180 farina
gr 70 burro
ml 25 olio di semi (io ho usato quello evo)
ml 100 acqua
2 cucchiaini colmi di lievito per pizza istantaneo
2 cucchiaini colmi di zucchero (io ho usato quello grezzo di canna)
mezzo cucchiaino di sale
sale

Mescolate la farina setacciata con il lievito, lo zucchero e il sale. Aggiungete il burro freddissimo a pezzettini, l’olio e l’acqua. Impastate e stendete l’impasto fra due fogli di carta forno. Preparate i crackers della forma e della dimensione che preferite, poneteli su una teglia ricoperta di carta da forno. Bucherellateli con la forchetta e spolverizzateli con qualche granello di sale.


Preriscaldate il forno e infornate a 200° per 10 minuti (qualche minuto in più se, come me, avete un forno non ventilato).

I ritz nelle due dimensioni

Anche a  forma di cuore

Questi piccoli crackers sono profumati e buoni da sgranocchiare da soli o da farcire: io, ad esempio, li ho provati con una glassa di aceto balsamico!


Dopo la demo sono tornata a casa con la voglia di scrivere questo post, con una confezione di cremor tartaro (con un pizzico di bicarbonato mi permetterà di sfornare soffici torte super lievitate)...e con un chiodo fisso: voglio la ricetta della Torta Magica!



P.S. Finalmente ho le icone sociali nella colonna a destra: ho usato il table-setting di colazione, cena e brunch per inserire i link ai miei profili google+, facebook e Pinterest...che dite, vi piacciono?


2 commenti:

  1. Favolosi!!!!!! Che esperienza.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erica! sai ci si diverte tanto ad andare a lezione :-)

      Elimina