martedì 6 dicembre 2016

...about hygge #02: i preferiti di novembre


Amici, inizio anche questo nuovo mese condividendo ciò che ho amato di più durante quello appena terminato: un mix tra ciò che per me è hygge (ovvero ciò che ha contribuito a regalarmi sensazioni di calore e intimità, momenti di accoglienza e conforto) e ciò che semplicemente mi è piaciuto e di cui sono grata, come ha giustamente scritto Alisia nei commenti ad ottobre.
A tal proposito vi ringrazio per le reazioni positive al post del mese scorso. Non me le aspettavo e mi hanno fatto davvero molto piacere :)

Il post di oggi è ricco, ma spero non troppo incasinato, e ruota molto attorno a due libri, scoperti a novembre:

* L'arte delle liste. Semplificare, organizzare e conoscere meglio sé stessi di Dominique Loreau. Dal sottotitolo si può già intuire la tesi del libro: stilare elenchi permette non solo di semplificarsi la vita, ma anche di riflettere, aumentare la nostra lucidità e consapevolezza, analizzare e comprendere se stessi, sfogarsi, annotare piccoli piaceri e non perdere i ricordi. E questa tipologia di post involontariamente ci si ritrova: non è altro che una lista sgangherata che serve a me, ma spero un pochino anche a voi.



* Come riconoscere un hipster di Jeremy Cassar, illustrazioni di Carla McRae. Non potevo non prenderlo, dopo essere stata più volte definita tale pure da perfetti sconosciuti ... e in effetti mi riconosco in molte pagine del libro: ad esempio nella passione per le camicie a quadri, le caffetterie, la musica indie, il biologico, le biciclette e in particolare con l'immagine dell'imprenditrice su Etsy (A Little Market nel mio caso) con frangetta e occhiali, in esplorazione di negozi e mercatini dell'usato e nutrita con cupcake vegani. 
Sfogliarlo con Aure ha provocato alcune delle più sane risate del mese!

martedì 29 novembre 2016

Biscotti Natalizi con Cioccolato Fondente e Arancia #christmasiscoming


La dipendenza da cioccolato, come vedete, non diminuisce!
Anzi, con Santa Lucia sempre più vicina e l'aria di Natale che inizia a diffondersi, la dolce mania è aumentata e le infornate notturne sono diventate una piacevole abitudine, sia a Milano che a Verona.

Muffin, fudge e biscotti rigorosamente al cioccolato (o al massimo al cacao) hanno confortato le nostre colazioni e profumato non solo il nostro monolocale, ma anche il pianerottolo del condominio.


Oggi condivido la ricetta definitiva per dei biscotti al cioccolato tanto semplici, quanto golosi. Derivando da una preparazione onnivora, hanno avuto bisogno di qualche test...ma poi sono stati approvati addirittura da Fily, il mio pazzo e adorabile nipotino di 8 anni. L'evento è alquanto straordinario: negli ultimi due anni gli unici biscotti a raggiungere questo ambita approvazione (altro che certificazioni igp, doc o docg) sono stati i puoti vegan di Santa Lucia nella versione integrale, che ho rifatto più volte durante l'anno anche col suo prezioso aiuto. Immaginate, quindi, la mia felicità nell'aver trovato ora un altro dolcetto altrettanto apprezzato!

martedì 22 novembre 2016

Cavolfiore al Forno con Garam Masala e Salsa di Yogurt, Arancia ed Erba Cipollina #christmasiscoming


Vi ho mai parlato di quanto adoro i foodblog del Nord-Europa?
Green Kitchen Stories, Deliciously Ella, Call Me Cupcake, Our Food Stories...rimango sempre affascinata dalle loro splendide foto e dalle loro ricette originali.

Mancando solo 33 giorni a Natale, ho iniziato a cercare ispirazione per il pranzo in famiglia e mi sono rivolta proprio ad alcuni di loro: ho trovato un primo spunto in quello che è probabilmente il mio blog preferito, My New Roots.
A catturare la mia attenzione è stato un contorno, portata che viene spesso sottovalutata, ma che può diventare invece uno dei pezzi forti del pasto. In questo caso si tratta di un Whole Roasted Cauliflower, il cavolfiore arrosto lasciato intero durante la cottura: ad attirarmi è stata la sua presenza scenografica, ma soprattutto la marinatura speziata.
Altra cosa che adoro infatti sono le spezie, soprattutto quelle indiane, quindi non potevo non innamorarmi di questa ricetta di Sara B. Lei usa un suo personale Tandoori Masala; nel mio caso ho usato un altro mix indiano, il Garam Masala, a cui ho aggiunto alcune singole spezie.

Se come me siete appassionati di spezie, vi consiglio la lettura del post di Sara B: è così interessante da far venir voglia di togliersi il pigiama, vestirsi e andare in cerca di un emporio di spezie! A proposito, se qualcuno ne conosce uno ben fornito a Milano (o Verona) non si faccia scrupoli a suggerirmelo nei commenti: ne sarò eternamente grata!

Ho abbinato, inoltre, una salsa allo yogurt, perchè fosse fresca rispetto all'intenso sapore speziato del cavolfiore: con l'aggiunta di pochi ingredienti si ottiene un dressing perfetto anche per altri contorni, come un'insalata di finocchi e carote.

venerdì 4 novembre 2016

...about hygge #01: i preferiti di ottobre


Il post di oggi è particolare: nessuna ricetta, solo qualche chiacchiera. Da tempo infatti sentivo il bisogno di uno spazio dove scrivere di quello che mi piace o di quello che scopro, senza grammi o millilitri. Potrebbe diventare un appuntamento mensile, quindi spero di non annoiarvi :)

Tutto è nato dallo sentire sempre più spesso il termine danese hygge (da leggere più o meno hügga): su riviste in edicola o post on-line è sempre più diffuso...voi lo conoscete già?
Indica tutto ciò che contribuisce a creare un'atmosfera accogliente e intima, una sensazione di calore intorno a sè e condivisione con le persone amate...insomma quelle azioni e quei piccoli piaceri della vita che ci fanno stare bene e ci donano conforto.
Se volete saperne di più, leggete uno dei primi articoli su questo temine su L'Huffington Post.


Quindi perchè non fare come Csaba e annotare qui le cose che per me sono state hygge il mese ormai concluso? Eccole in elenco (ovviamente molte sono legate al cibo). Se volete, scrivetemi qualcuna delle vostre nei commenti.

venerdì 28 ottobre 2016

Snack di Miglio Soffiato con Cioccolato Fondente e Granella di Nocciole


Sarà l'avvicinarsi di Halloween o l'abbassarsi (lento) delle temperature, ma il bisogno di dolce in questo periodo non mi abbandona...non che sia assente tutto il resto dell'anno, ma almeno più attenuato!

E quando la voglia di dolce chiama, il cioccolato risponde subito...col risultato che ne sto mangiando notevoli quantità in stecca, creme spalmabili e dolcetti casalinghi come quello che condivido oggi. Dalla facilità disarmante, ma anche di assoluto conforto: perfetto, ad esempio, durante la pausa caffè.

Inoltre riporta ricordi d'infanzia: chi di voi da bambino non ha mai mangiato i dolcetti al riso soffiato? I cereali soffiati per me sono legati sempre a quest'immagine...anche se non sono più quelli super zuccherati che scoppiettavano nel latte.
Ho già usato la quinoa soffiata nella granola autunnale, così oggi uso il miglio abbinato a pochi altri ingredienti: cioccolato fondente, nocciole e marmellata. Più cereali userete, più "croccante" sarà il vostro snack; se ne userete meno rispetto alla quantità di cioccolato, sarà più morbido ma ugualmente buono.

martedì 18 ottobre 2016

Plumcake Salato con Zucca, Porro e Nocciole Tostate


Amici, oggi condivido la prima ricetta tra quelle sfornate a Milano.
Come dicevo nell'ultimo post, mi sto ambientando in una nuova casa, ma già nei primissimi giorni ho voluto accendere il forno...soprattutto perchè questo, a differenza di quello a Verona, ha mille mila impostazioni tra cui scegliere...e ho dovuto fare qualche prova anche solo per non combinare danni nell'accensione. L'importante è che ora io abbia capito tutto...o quasi :)

In queste settimane mi sono dedicata molto alla cucina, non solo per i vari pasti quotidiani, ma anche come pausa tra l'aggionamento e gli invii vari di curriculum e portfolio...più una super novità muffosa che spero di potervi mostrare prestissimo.

Inoltre sono alle prese non solo con nuovi angoli cottura, ma anche con nuovi angoli per le foto: se mi seguite su Instagram, avrete forse già notato il cambiamento di luce e sfondo delle foto. Nessun terrazzo infatti nel monolocale derganese, ma un unico angolo più luminoso sul piano della cucina. Mi sto già affezionando a questa postazione e spero che a voi piacciano le foto di oggi e dei futuri post.

Ma veniamo alla ricetta. Come saprete benissimo, è tempo di zucca! Aure e io ne stiamo mangiando molta; la adoriamo e possiamo cucinarla sempre in modi diversi: al forno, al vapore, per la preparazione di gnocchi, zuppe, polpette...o di questo delizioso plumcake salato.

martedì 11 ottobre 2016

Back in Milan: Macha Cafè

 

Primo post che scrivo dal mio ritorno a Milano!

Dopo due anni veronesi, sono tornata nella città dove ho vissuto già per 9 anni: un po' l'ho ritrovata uguale, un po' la vedo diversa. Per ora sono in fase di ambientazione in una casa con nuovi spazi, nuovi oggetti e nuove abitudini. Intimorita dal cambimento, ma anche carica per ciò che può portare.

Una cosa è certa: sono bastati pochi giorni per andare alla scoperta di alcuni posti interessanti. E oggi vi voglio parlare proprio di uno di questi, quindi nessuna ricetta per inaugurare la postazione da cui vi scrivo, ma finalmente una nuova recensione: quella a Macha Cafè, piccolo locale a pochi passi da corso Como e corso Garibaldi.

L'idea è nata - come si può leggere dalla loro pagina facebook - dall'amore per il Giappone e dalla passione per il tè matcha, il tè verde giapponese dalle grandi proprietà antiossidanti, ricco di vitamine, sali minerali, clorofilla e carotene.
Il risultato è il primo japanese cafè aperto dalla colazione alla cena, in cui il tè matcha viene declinato in diverse preparazioni dalla caffetteria ai cocktails, dai dolci ai pancakes.